Arredare un bagno di piccole dimensioni includendo la doccia

Oggi è sempre più frequente abitare in case con bagni di dimensioni ridotte almeno per uno dei bagni presenti. Per chi invece si trova ad affrontare la ristrutturazione di una casa, diventa quasi d’obbligo una riflessione sulla necessità di realizzare un secondo bagno sopratutto se la casa ha più abitanti.
Dunque a prescindere dalle motivazioni, come poter organizzare un bagno con dimensioni che non permettono di spaziare molto con la creatività?

Per quanto riguarda i sanitari in commercio esistono davvero soluzioni per tutti i gusti e le esigenze.
Un’idea interessante potrebbe essere quella di scegliere dei modelli sospesi, per agevolare le pulizie, e forme tondeggianti con dimensioni ridotte che ottimizzano lo spazio.
Oppure utilizzare gli spazi in verticale come ad esempio montare delle mensole o un pensile sopra il wc.

arredamento_bagno_piccolo

Così vale anche per i porta asciugamani, a meno che non decidiamo di installare uno scaldasalviette a muro e dunque potremmo farne doppio uso appendendo le nostre spugne.

arredare_piccolo_bagno

E se abbiamo un solo bagno di dimensioni ridotte, dobbiamo prevedere anche la possibilità di inserire almeno la doccia. Anche in questo caso dovremmo avere ben chiare le misure che abbiamo a disposizione.
La seconda considerazione è di optare per un box doccia ad angolo di tipo semicircolare, come questo:

cabina_doccia_90_x_90_vetro_trasparente_o_satinato_IT-GOC-PSA

Oppure se la struttura del bagno lo permette si può scegliere di inserire un box doccia fra le due pareti con un’unica anta a battente creando una sorta di nicchia per recuperare così ulteriore spazio.

box doccia anta a battente

Alcuni  dettagli utili:

  • dove possibile, pensare di sostituire la porta del bagno con una porta scorrevole, per facilitare i movimenti di entrata ed uscita dalla stanza da bagno
  • utilizzare specchi e vetri trasparente, amplifica gli spazi
  • i colori chiari e le piastrelle applicate fino a metà della parete aumentano l’illusione ottica dello spazio

Questi sono solo alcuni spunti da cui partire..lasciamo a te personalizzare la tua  stanza da bagno secondo il tuo stile!

Come scegliere un box doccia?

box_doccia

Acquistare una cabina doccia è una scelta che va fatta con attenzione e cura dei dettagli poiché la stanza da bagno è uno degli ambienti che in casa hanno una certa importanza anche per il loro frequente utilizzo.

Quali dimensioni?
Le forme dei box doccia in commercio sono molte, di diverse misure e spesso studiate per permettere di recuperare spazio in un bagno di piccole dimensioni o che magari deve contenere oltre ai sanitari anche la lavatrice. L’importante è, dove possibile,  scegliere una cabina doccia che permetta di muoversi in libertà e che trasformi la doccia in un momento anche rilassante.

Naturalmente il box doccia andrà installato in funzione anche degli attacchi idraulici ossia dei rubinetti e relativi scarichi per cui prima ancora dovremo scegliere il piatto doccia su cui poggierà il box doccia.
Ricordiamo che, nel caso di ristrutturazione di un bagno già esistente, si dovrà prevedere che la zona in cui risiederà la cabina doccia dovrà essere piastrellata.

Il piatto doccia solitamente viene prodotto in materiale acrilico anche con colorazioni diverse dal bianco. Tra gli ultimi materiali proposti esiste il gel topcoat che permette appunto di darne la colorazione scelta. Tra le ultime proposte di design possiamo scegliere il piatto doccia sottile quasi a “filo” del pavimento e sempre con dettagli antiscivolo come quelli più tradizionali.

Vetro temperato o metacrilato (plexiglass) ?
Il plexiglass, o simile, è un materiale sicuramente più economico ma con lo svantaggio che nel lungo termine tende a rovinarsi esteticamente. Mentre il vetro o cristallo temperato è il materiale più richiesto e venduto in questo ambito. Sicuramente più resistente anche dal punto di vista della pulizia, risulterà anche il più sicuro in caso di rottura rispetto al precedente che risulta più tagliente del vetro. L’ideale inoltre, è un vetro di almeno 5-6 mm di spessore. Spesso scegliendo il cristallo temperato è possibile anche deciderne il colore: trasparente, fumè, satinato ecc..

Che telaio scegliere?
Anche per questo aspetto esistono molte soluzioni sia pratiche che più di design. Le esigenze possono essere diverse: ad esempio se il box doccia deve essere montato in un bagno di servizio possiamo optare per una cabina con profili in alluminio più economica. Se invece ci occupiamo del bagno principale possiamo optare per una soluzione più moderna e di design come il box doccia senza profili e in cristallo trasparente. Questa scelta tra l’altro può essere interessante anche perchè il cristallo trasparente gioca un effetto di ampliamento dello spazio attraverso la trasparenza del vetro.