Il calcare, fastidiosa presenza nella doccia

Si sa il calcare è una presenza, spesso costante, all’interno del box doccia.
Utilizzando l’acqua giornalmente è facile che venga a crearsi poiché la sua formazione dipende dall’acqua calda che evapora e crea le incrostazioni che alla lunga diventano difficili da eliminare e limitano l’efficienza del soffione o della rubinetteria.

Il soffione è l’accessorio che più viene colpito perchè il calcare si forma proprio intorno ai forellini da cui fuoriesce l’acqua e se non viene fatta la giusta manutenzione, nel tempo può arrivare addirittura a scoppiare letteralmente.

Per quanto riguarda il box doccia il problema è più estetico perchè il calcare si fissa sul vetro magari trasparente creando aloni o le piccole macchie bianche.

In generale comunque il calcare è dannoso per tutto l’impianto idraulico.

calcare

houzz.it

Come prevenire la formazione del calcare?

Innanzitutto possiamo verificare la durezza dell’acqua nella nostra casa, e nel caso in cui l’acqua risulti particolarmente dura si potrà installare un addolcitore che trattiene gli ioni calcio e magnesio (sono gli elementi che conferiscono la durezza dell’acqua). Durante il suo intervento l’addolcitore ricombina poi questi elementi rigenerando l’acqua.

Per evitare grandi spese è possibile installare facilmente un filtro anti calcare da posizionare direttamente in prossimità del contatore dell’acqua.

In questo modo sarà possibile migliorare l’efficienza dell’impianto idrico riducendo i consumi energetici.

Basta infatti una stratificazione di 2 mm all’interno della tubatura per aumentare il consumo energetico del 10%.
Se nel tempo non viene effettuata la giusta manutenzione questi consumi possono aumentare fino al 70%.

Quindi perchè non pensarci prima ed evitare ulteriori spese poi?

La doccia per esterno: la versione più cool

happy_real_01(1)

 

Sta arrivando l’estate e quest’anno non puoi farti cogliere impreparato quando il caldo torrido toccherà anche il tuo giardino o terrazzo. C’è una soluzione pratica e colorata che potrai utilizzare per i tuoi spazi aperti: la doccia da esterno.

E se vai in vacanza puoi portarla con te!
Si perchè la doccia per esterno Happyfive è facilissima da installare con il suo pratico serbatoio e l’aggiunta del piatto doccia come optional renderà ancora più semplice il suo utilizzo.

La doccia per esterno Happyfive è un prodotto innovativo dal design moderno e divertente nei suoi otto colori disponibili, diventa perciò un elemento di arredo per il tuo ambiente.

La sua struttura in polietilene HD (alta densità) risulta un materiale resistente alle intemperie, alla salsedine e ai raggi solari. Inoltre, questo prodotto viene sottoposto a test scientifici per garantirne la stabilità anche in caso di eventi atmosferici anomali.

Il suo serbatoio di 28 litri di consente di utilizzare più volte durante la giornata ed è dotata di una valvola di pressione di serie che ti consente di variare la pressione idrica come meglio credi.

E’ un prodotto Made in Italy che viene proposto in vari colori: antracite,bianco, fuxia, arancio, blu, cherry, verde, violetta da abbinare al tuo contesto.

Box doccia: dove collocarlo?

Quando si effettua la ristrutturazione o la costruzione di un bagno la scelta più importante riguarda la posizione dei sanitari e sopratutto del box doccia che per dimensioni può occupare la maggior parte dello spazio nella stanza.
Alla luce di queste considerazioni quindi dove è meglio collocarlo?
Solitamente il box doccia viene inserito dietro la porta, all’interno di una nicchia o viene inserito nell’angolo della stanza che permetterà di muoversi meglio durante la quotidianità.
In commercio ormai vengono proposte molte soluzioni in merito alle misure sia del piatto doccia che del box vero e proprio.
Una volta decisa la posizione, si procederà con l’installazione delle tubature e conseguentemente con la posa del piatto doccia e anche qui l’offerta è ampia. Nuovi materiali e misure per il piatto doccia di ultima generazione su cui sarà possibile adattare facilmente qualsiasi box doccia.

box doccia dove collocarlo
Per quanto riguarda la scelta dell’elemento principale ( il box doccia) come dicevamo, pocanzi, tutto dipende dalle misure che vogliamo utilizzare. Per cui se scegliamo uno spazio rettangolare o quadrato accostato a due pareti, che risulta la versione più apprezzata, sarà semplice l’installazione di un box doccia con due pareti in vetro. Se poi vogliamo ottimizzare ulteriormente lo spazio disponibile si potrà optare per una versione con box doccia angolare.
Boxdocciaidromassaggio.it, a questo proposito, offre molti modelli adattabili alla varie esigenze e con un rapporto qualità/prezzo vantaggioso poiché la vendita on line permette di eliminare il passaggio tra intermediari e fornisce assistenza per la posa completa del prodotto.

box doccia dove collocarlo 2

Arredare il bagno in mansarda: box doccia o vasca?

Le case negli ultimi anni hanno cambiato conformazione e, se una volta il sottotetto era utilizzato come soffitta per archiviare tutti gli oggetti non utilizzati, oggi questo spazio definito mansarda diventa parte integrante dell’abitazione tanto da volerne sfruttare ogni spazio per creare una stanza aggiuntiva come nel caso di un secondo o terzo bagno.

Ma come sfruttare gli spazi per creare un bagno completo di sanitari e box doccia o vasca?

Innanzitutto bisogna tener conto delle altezze che, se diverse nei vari punti del soffitto, possono creare qualche difficoltà nell’inserimento ad esempio del box doccia.

mansarda_grigiothetinylife.com

In questo senso la cabina dovrà essere adattata allo spazio disponibile o in alternativa si opta per una vasca da bagno. Se non si vuole rinunciare ne all’una ne all’altra la soluzione è una combinazione di doccia e vasca su misura tenendo conto dell’inclinazione del soffitto.

mansarda doccia vascahouzz.com

Per quanto riguarda i sanitari, la scelta migliore sia per estetica che per praticità sono quelli sospesi.

Il bagno in mansarda solitamente è di dimensioni ridotte per cui meglio inserire gli elementi essenziali come i sanitari e scegliere gli accessori che non compromettano la possibilità di muoversi durante l’utilizzo della stanza.

Un ultimo accorgimento è legato alla scelta dei colori: i colori chiari con prevalenza del bianco risultano sempre i più adatti a stanze di piccole dimensioni.