Come pulire il box doccia in plastica?

pulizie doccia

Fare le pulizie è sempre un compito ingrato ma con piccoli accorgimenti è possibile svolgerlo con meno fatica e in modo veloce.

Ecco come pulire, ad esempio, il box doccia in 4 mosse veloci e con pochi detersivi naturali.

Pulire l’interno del box doccia

Il fastidio più grosso nella pulizia del box doccia è l’eliminazione del calcare che si forma frequentemente e per debellarlo, completamente,  ti basterà comporre una miscela di aceto bianco, limone e bicarbonato.

Strofina questa emulsione con una spugna abrasiva o, ancora meglio, con un vecchio spazzolino, per poter raggiungere meglio le fughe delle piastrelle e le fessure del piatto doccia. Lasciando agire il composto per qualche minuto e sciacquando con abbondante acqua vedrai subito il risultato.

Pulire le pareti del box doccia

Che il tuo box doccia sia in vetro o in plastica non cambia.
Il miglior metodo per la pulizia delle pareti è l’aceto. Prendi uno spruzzino con 2 parti di aceto e 1 di acqua. Usa la miscela sulle pareti passando con un panno delicato. Per ottimizzare, puoi utilizzare un tergivetro eliminando così le goccioline d’acqua.

Pulire le parti in plastica

E’ qui che il sapone si deposita creando antipatici aloni gialli. Anche in questo caso, acqua e aceto con una piccola quantità di alcool denaturato forniscono la soluzione perfetta!

Pulire il soffione del box doccia

Infine,non rimane che occuparsi del soffione, il quale essendo a diretto contatto con il calcare presenta spesso i fori otturati.
Ti basta smontare il soffione e immergerlo in aceto e acqua calda per qualche ora e, se la situazione è più impegnativa, ti puoi aiutare con un ago per eliminare i residui più duri.

Come vedi, bastano pochi prodotti e un po’ di attenzione per mantenere in perfetto stato il tuo box doccia!

Design industrial per la doccia

Non poteva che arrivare direttamente dagli States, lo stile che sta andando per la maggiore anche qui da noi.

Nato per riqualificare i vecchi edifici newyorkesi, un tempo adibiti alla produzione, e poi rivisti come appartamenti open space che mantengono quindi la struttura originale dell’epoca.

Lo stile industrial ha coinvolto, nel frattempo, tutto il design dell’arredamento subendo varie declinazioni come l’urban chic o lo shabby industrial.

Le caratteristiche principali:

  • mantiene l’ampiezza dei spazi originali, sia in larghezza che in altezza
  • usa materiali originali o comunque grezzi, come il cemento, il legno invecchiato, i mattoni originali e il ferro
  • i colori pure sono originali, dal bianco sporco al grigio antracite o il nero in ogni stanza della casa, tendenzialmente bianco e nero i colori dominanti, con l’aggiunta di una nota di colore primario come il rosso o il giallo
  • lo stile è basic e molto funzionale

Per quanto riguarda i singoli ambienti anche la stanza da bagno subisce il fascino di questo nuovo stile urbano.

Ecco che il box doccia quindi si profila di metallo scuro, ben evidente,  e la rubinetteria sceglie di conformarsi con soffioni e miscelatori in linea. Per chi preferisce la vasca da bagno invece, vediamo vecchie vasche restaurate con l’aggiunta di classiche tende doccia e rubinetterie retrò.

industrial

da Houzz.com

Chi inventò la doccia?

Nel quotidiano si parla di doccia come se fosse sempre esistita ma in realtà il suo utilizzo è abbastanza recente.

Vi siete mai chiesti quando e chi effettivamente inventò questo modo geniale di mantenere la propria igiene personale?

docciavintage

A dire il vero, alcune testimonianze sull’esistenza della doccia ci arrivano dall’Antica Grecia e dall’Antico Egitto ma la doccia moderna risale al XIX secolo.

Esattamente, nel 1872 Merry Delabost medico della prigione di Bonne-Nouvelle di Roen,  in cerca di una soluzione per l’igiene personale dei detenuti, ideò delle docce collettive con flussi di acqua singoli.

Dal 1879 in poi le docce vennero rese obbligatorie, per i propri soldati, dall’esercito prussiano.

Naturalmente il concetto di doccia si è evoluto nel tempo fino ai giorni nostri.

La doccia, oggi, non è più solo uno strumento di pulizia ma un vero momento di benessere personale sia fisico che mentale.

Questa la funzione principale dei box doccia ed,  in particolare, di quelli con idromassaggio che si completano addirittura con sauna e bagno turco per un servizio a 360°.

Le forme e le rifiniture stesse hanno subito  un’evoluzione.
Il design dei box doccia si è trasformato da cabina chiusa, quasi in modo ermetico, a parete in vetro trasparente che si fonde con la stanza da bagno diventando invisibile grazie alla sua trasparenza.. C’è da chiedersi che trasformazione subirà andando avanti. 🙂

Certo è che l’invenzione della doccia ha portato numerosi vantaggi nella nostra quotidianità

  • una sensibile riduzione del consumo idrico che passa da 150 litri per riempire la vasca da bagno ai 10-15 litri al minuto sotto la doccia per cui più gestibile
  • la velocità di utilizzo anche in diversi momenti della giornata
  • una maggiore igiene grazie all’acqua corrente
  • maggiore spazio nella stanza da bagno

E voi ne avete riscontrati altri?

Fonte www.wikipedia.org
Immagine www.apartmenttherapy.com

Un’oasi di benessere in un box doccia idromassaggio

boxdocciavenus
Il box doccia idromassaggio Venus non è solo un elemento di arredo bagno ma una vera oasi di benessere capace di stimolare i sensi per un’esperienza sensoriale completa.

A partire dall’estetica con le sue linee sinuose di colore bianco che invitano al relax e a lasciarsi andare..

Una volta entrati nella cabina doccia super confortevole con la seduta e il cuscino ergonomico, ha inizio un’esperienza di benessere sensazionale grazie agli idrogetti posizionati a lati della seduta e grazie al massaggio plantare.

Ma non è tutto.Grazie ad un mini display LCD imposti tutte le funzioni di idromassaggio completo o a zone e da qui puoi attivare il bagno turco.

Se vuoi aggiungere alla tua seduta un ulteriore trattamento benessere ecco che sul soffitto del box doccia idromassaggio si attivano un sistema di luci multicolore per la cromoterapia e un sistema audio per la musicoterapia.

In sostanza quello che Venus ti offre

  • doccia idromassaggio con soffione centrale
  • idrogetti verticali e dorsali
  • bagno turco
  • impianto di cromoterapia
  • impianto audio
  • massaggio plantare a rulli
  • ventilazione
  • vetri azzurrati
  • doccino separato
  • specchio
  • seduta ergonomica
  • ripiano per oggetti
  • mini display LCD con impostazioni regolabili
  • vetro temperato da 6 mm
  • pavimento antiscivolo
  • eleganti profili in argento satinato

Un box doccia idromassaggio completo che potrà utilizzare tutta la famiglia e il suo prezzo è davvero accessibile.

Il box doccia idromassaggio Venus è il miglior regalo che ti potrai fare!

Lo sai che le migliori idee arrivano sotto la doccia?

Se fai un lavoro creativo ti sarà capitato certamente di essere a corto di idee qualche volta.
La vita frenetica di tutti i giorni e lo stress, in questo caso, non aiutano.
Però se ci pensi probabilmente le idee più brillanti ti saranno arrivate facendo la doccia!
C’è un motivo scientifico per cui possiamo sostenere questa teoria:
pensiamo tutto il giorno, perchè è inevitabile, ma ci sono momenti come quello della doccia in cui il nostro subconscio ritrova il suo spazio. Grazie al relax e al benessere e alla mancanza di informazioni che ci bombardano tutto il giorno, la mente torna ad essere creativa.
Allora, per ottenere idee brillanti, il tuo bagno deve essere confortevole ed accogliente.

A questo proposito una cabina doccia delle giuste dimensioni e con tutti gli accessori agevolerà il processo creativo.

Per scegliere il modello più adatto verifica:

  • le misure che hai a disposizione
  • il materiale di cui si compone la cabina doccia (vetro o plexiglass)
  • il tipo di apertura disponibile (a libro, ad anta, scorrevole)
  • l’illuminazione che hai disposizione all’interno della cabina
  • il tipo di soffione (a parete, con asta, completo di doccino)

La scelta del modello dipende, in primis, dalle misure della stanza da bagno e dal proprio gusto personale perchè la creatività si sviluppa in modo soggettivo.
Per cui c’è chi preferisce una cabina doccia vera e propria e chi, invece, preferendo seguire il trend del momento sceglie semplicemente una parete in vetro. Chi, poi,  ha gusti più vintage opta per una bella tenda per doccia magari con decorazioni originali e che si accompagnino allo stile della stanza da bagno.
In ogni caso, e prima di scegliere quale cabina fa per te..puoi fare una doccia e l’idea giusta arriverà! 😉

design-cabina-doccia-apertura-soffietto