Category Archives: Arredo Bagno

Design industrial per la doccia

Non poteva che arrivare direttamente dagli States, lo stile che sta andando per la maggiore anche qui da noi.

Nato per riqualificare i vecchi edifici newyorkesi, un tempo adibiti alla produzione, e poi rivisti come appartamenti open space che mantengono quindi la struttura originale dell’epoca.

Lo stile industrial ha coinvolto, nel frattempo, tutto il design dell’arredamento subendo varie declinazioni come l’urban chic o lo shabby industrial.

Le caratteristiche principali:

  • mantiene l’ampiezza dei spazi originali, sia in larghezza che in altezza
  • usa materiali originali o comunque grezzi, come il cemento, il legno invecchiato, i mattoni originali e il ferro
  • i colori pure sono originali, dal bianco sporco al grigio antracite o il nero in ogni stanza della casa, tendenzialmente bianco e nero i colori dominanti, con l’aggiunta di una nota di colore primario come il rosso o il giallo
  • lo stile è basic e molto funzionale

Per quanto riguarda i singoli ambienti anche la stanza da bagno subisce il fascino di questo nuovo stile urbano.

Ecco che il box doccia quindi si profila di metallo scuro, ben evidente,  e la rubinetteria sceglie di conformarsi con soffioni e miscelatori in linea. Per chi preferisce la vasca da bagno invece, vediamo vecchie vasche restaurate con l’aggiunta di classiche tende doccia e rubinetterie retrò.

industrial

da Houzz.com

Un’oasi di benessere in un box doccia idromassaggio

boxdocciavenus
Il box doccia idromassaggio Venus non è solo un elemento di arredo bagno ma una vera oasi di benessere capace di stimolare i sensi per un’esperienza sensoriale completa.

A partire dall’estetica con le sue linee sinuose di colore bianco che invitano al relax e a lasciarsi andare..

Una volta entrati nella cabina doccia super confortevole con la seduta e il cuscino ergonomico, ha inizio un’esperienza di benessere sensazionale grazie agli idrogetti posizionati a lati della seduta e grazie al massaggio plantare.

Ma non è tutto.Grazie ad un mini display LCD imposti tutte le funzioni di idromassaggio completo o a zone e da qui puoi attivare il bagno turco.

Se vuoi aggiungere alla tua seduta un ulteriore trattamento benessere ecco che sul soffitto del box doccia idromassaggio si attivano un sistema di luci multicolore per la cromoterapia e un sistema audio per la musicoterapia.

In sostanza quello che Venus ti offre

  • doccia idromassaggio con soffione centrale
  • idrogetti verticali e dorsali
  • bagno turco
  • impianto di cromoterapia
  • impianto audio
  • massaggio plantare a rulli
  • ventilazione
  • vetri azzurrati
  • doccino separato
  • specchio
  • seduta ergonomica
  • ripiano per oggetti
  • mini display LCD con impostazioni regolabili
  • vetro temperato da 6 mm
  • pavimento antiscivolo
  • eleganti profili in argento satinato

Un box doccia idromassaggio completo che potrà utilizzare tutta la famiglia e il suo prezzo è davvero accessibile.

Il box doccia idromassaggio Venus è il miglior regalo che ti potrai fare!

Realizza la tua cabina doccia su misura

Se il tuo bagno ha delle dimensioni particolari e stai ragionando su come poter inserire una comoda e pratica cabina doccia, la soluzione più semplice è di realizzarla  su misura in modo autonomo.

Come fare?

Innanzitutto, devi verificare dove collocare la cabina doccia per capire di quante pareti verrà composto il box doccia.

Ad esempio, se lo spazio disponibile è una nicchia, sarà sufficiente una parete con apertura laterale o centrale.

parete doccia

Oppure se la tua cabina verrà realizzata in un angolo del bagno potrai optare per due pareti della stessa misura per una cabina doccia classica quadrata. In alternativa, una delle pareti potrebbe essere sfruttata in lunghezza e di conseguenza avere una misura più ampia per una cabina doccia rettangolare.

parete doccia2

Se invece hai la possibilità di utilizzare solo una parete, avrai necessità di 3 pareti che costituiranno il tuo box doccia.

Le caratteristiche delle pareti saranno equivalenti:

  • vetro temperato di 6 mm
  • ante scorrevoli
  • telaio in alluminio
  • altezza delle pareti 185 cm
  • facilità di montaggio

Si perchè potrai acquistare la tua cabina doccia personalizzata direttamente on line e montarla con facili istruzioni. Appena trascorse le 24 ore dal montaggio potrai iniziare ad usarla subito!

Quale piatto doccia scegliere?

Il piatto doccia è la base nella scelta di quella che sarà la cabina doccia.Vediamo allora tra quali modelli poter scegliere in base allo spazio disponibile e al proprio gusto personale.

In generale i piatti doccia si dividono in:

  • quadrati
  • rettangolari
  • semicircolari
  • semicircolari assimmetrici

In particolare poi, vengono realizzati nelle misure standard a seconda della forma:

  • quadrati: 65x65cm  70x70cm  80x80cm  90×90 cm
  • rettangolari: 72x90cm  70x100cm  70x120cm  80x100cm 80x120cm
  • semicircolari: 80x80cm  90x90cm  100x100cm
  • assimmetrici: 70x90cm

I materiali di cui si compone il piatto doccia:

  • acrilico o metacrilato (plastica)
  • ceramica
  • resina
  • pietra naturale ( ardesia o marmo)

La ceramica è il materiale più utilizzato anche se la proposta del piatto doccia in resina ha preso piede nella scelta di un box doccia più attuale e pratico.

Le altezze dei piatti doccia:

  • filo pavimento da 0,5 cm a 5/6 cm circa
  • standard da 7 cm a 12 cm circa

Il piatto doccia a filo pavimento risulta il più utilizzato in funzione di un bagno dal design più moderno.

Infine, la piletta di scarico è l’ultimo elemento ma non meno importante da decidere:

  • per i piatto doccia a filo pavimento è di diam 90 mm con altezze tra i 4,5 cm e gli 8 cm
  • per quelli standard è di diam 80 mm e altezze tra 8 cm e 11 cm

piatti doccia boxdocciaidromassaggio

Come illuminare un box doccia in muratura?

Se il box doccia viene ricavato da una nicchia in muratura priva di luce naturale diventa indispensabile inserire un’illuminazione specifica per poter creare un ambiente pratico e perchè no suggestivo.

Solitamente si pensa che acqua ed elettricità non vadano molto d’accordo.
In realtà oggi questa idea viene stravolta dalle proposte di design che offrono soffioni per doccia con luci integrate che sfruttano l’illuminazione a led per un maggior risparmio energetico.
Inoltre, per aggiungere maggior beneficio al momento della doccia si possono utilizzare luci a led nei colori suggeriti dalla cromoterapia così da riattivare tutti i sensi e raggiungere un maggior benessere per corpo e mente.

illuminazione_box_doccia3

Houzz.com

Se invece non ci fosse la possibilità di installare questo tipo di soffione già integrato si può sempre ricorrere a un sistema di illuminazione che, rispettando alcune norme di sicurezza, garantisca un buon risultato.

Quali norme dunque sono da tenere in considerazione?
La normativa CEE 64-8 da novembre 2012 prevede che non vengano installati impianti elettrici a diretto contatto con l’acqua. Nel caso dunque di illuminazione per un box doccia, il sistema verrà collocato ad un’altezza di almeno 225 cm dal piatto doccia.

illuminazione_box_doccia_muratura

Houzz.com

In base dunque al tipo di illuminazione che vogliamo utilizzare possiamo inserire dei semplici faretti a led con luci, ai bordi del box doccia con luci bianche o colorate a secondo dell’effetto che vogliamo ottenere.
In commercio è possibile acquistare a prezzi molto contenuti striscie luminose, con una protezione speciale contro l’umidità, da posizionare facilmente all’altezza consigliata per risolvere velocemente il problema se non si intende intervenire direttamente sull’impianto elettrico già esistente.

illuminazione_box_doccia_muratura2Houzz.com

Box doccia: quali misure prendere prima di effettuare l’acquisto?

Grazie alla possibilità di acquistare un box doccia direttamente dal web a prezzi vantaggiosi si pone spesso il problema di come rilevare correttamente le misure per ordinare il giusto prodotto.

Ecco qui in pochi passi come fare

  • effettuare una foto dello spazio in cui verrà inserito il box doccia risulta sempre utile per avere un’idea più chiara sulla scelta finale
  • identificare la misura sia all’interno del piatto doccia e sia la misura esterna (e se necessario specificarle in fase di acquisto) è molto importante tenere presente che queste misure devono essere rilevate con i rivestimenti già posati
  • verificare la presenza di mobili o sanitari che possano limitarne l’apertura, ad esempio nel caso vi piacesse l’idea di un box doccia con anta a battente
  • controllare se le pareti hanno eventuali pendenze o sono perfettamente in bolla e questa considerazione è opportuna anche per il piatto doccia
  • se il piatto doccia (specialmente per il semicircolare) è già installato conviene fornire al rivenditore la marca e il modello cosicchè possa verificare direttamente le misure da catalogo
  • misurare lo spessore del piatto doccia risulta utile per la scelta del box doccia con poco profilo come propone il design più attuale

Concludendo:  come avrete visto non è poi così difficile e con questi pochi accorgimenti risparmierete sia tempo che denaro!

 

box_doccia_ITKAS1A

Box doccia: dove collocarlo?

Quando si effettua la ristrutturazione o la costruzione di un bagno la scelta più importante riguarda la posizione dei sanitari e sopratutto del box doccia che per dimensioni può occupare la maggior parte dello spazio nella stanza.
Alla luce di queste considerazioni quindi dove è meglio collocarlo?
Solitamente il box doccia viene inserito dietro la porta, all’interno di una nicchia o viene inserito nell’angolo della stanza che permetterà di muoversi meglio durante la quotidianità.
In commercio ormai vengono proposte molte soluzioni in merito alle misure sia del piatto doccia che del box vero e proprio.
Una volta decisa la posizione, si procederà con l’installazione delle tubature e conseguentemente con la posa del piatto doccia e anche qui l’offerta è ampia. Nuovi materiali e misure per il piatto doccia di ultima generazione su cui sarà possibile adattare facilmente qualsiasi box doccia.

box doccia dove collocarlo
Per quanto riguarda la scelta dell’elemento principale ( il box doccia) come dicevamo, pocanzi, tutto dipende dalle misure che vogliamo utilizzare. Per cui se scegliamo uno spazio rettangolare o quadrato accostato a due pareti, che risulta la versione più apprezzata, sarà semplice l’installazione di un box doccia con due pareti in vetro. Se poi vogliamo ottimizzare ulteriormente lo spazio disponibile si potrà optare per una versione con box doccia angolare.
Boxdocciaidromassaggio.it, a questo proposito, offre molti modelli adattabili alla varie esigenze e con un rapporto qualità/prezzo vantaggioso poiché la vendita on line permette di eliminare il passaggio tra intermediari e fornisce assistenza per la posa completa del prodotto.

box doccia dove collocarlo 2

Arredare il bagno in mansarda: box doccia o vasca?

Le case negli ultimi anni hanno cambiato conformazione e, se una volta il sottotetto era utilizzato come soffitta per archiviare tutti gli oggetti non utilizzati, oggi questo spazio definito mansarda diventa parte integrante dell’abitazione tanto da volerne sfruttare ogni spazio per creare una stanza aggiuntiva come nel caso di un secondo o terzo bagno.

Ma come sfruttare gli spazi per creare un bagno completo di sanitari e box doccia o vasca?

Innanzitutto bisogna tener conto delle altezze che, se diverse nei vari punti del soffitto, possono creare qualche difficoltà nell’inserimento ad esempio del box doccia.

mansarda_grigiothetinylife.com

In questo senso la cabina dovrà essere adattata allo spazio disponibile o in alternativa si opta per una vasca da bagno. Se non si vuole rinunciare ne all’una ne all’altra la soluzione è una combinazione di doccia e vasca su misura tenendo conto dell’inclinazione del soffitto.

mansarda doccia vascahouzz.com

Per quanto riguarda i sanitari, la scelta migliore sia per estetica che per praticità sono quelli sospesi.

Il bagno in mansarda solitamente è di dimensioni ridotte per cui meglio inserire gli elementi essenziali come i sanitari e scegliere gli accessori che non compromettano la possibilità di muoversi durante l’utilizzo della stanza.

Un ultimo accorgimento è legato alla scelta dei colori: i colori chiari con prevalenza del bianco risultano sempre i più adatti a stanze di piccole dimensioni.

Box doccia e vasca da bagno: un’unica soluzione per chi non vuole rinunciare a nulla

La combinazione di box doccia e vasca da bagno è l’ideale per non rinunciare alla praticità e al comfort che entrambe regalano. Inoltre, il compromesso risulta maggiormente positivo nel caso in cui il bagno in casa sia solo uno e non troppo spazioso. Si può, tra l’altro scegliere, se attrezzare la vasca già esistente o inserire nella stanza una combinazione di doccia e vasca con cabina anche multifunzione.

Nel primo caso sarà molto semplice inserire una parete in vetro o plexiglass da posizionare a bordo vasca come questa:

box doccia vasca

Per aumentare la praticità di questa scelta l’ideale sarebbe inserire della rubinetteria specifica per doccia come, ad esempio, un’asta saliscendi con doccino.
Se invece vogliamo trovare una soluzione più completa, in commercio vengono proposti veri e propri box doccia inseriti nelle vasce da bagno.
Molte di queste soluzioni inoltre prevedono un accesso agevole alla vasca per cui sono facilmente utilizzabili da bambini e anziani.
Per chi ha la fortuna di possedere una vasca inserita in una nicchia invece, la predisposizione di un box doccia lungo il bordo della vasca trasformerà il tutto in una cabina doccia completa.

box doccia vasca 2

Ante scorrevoli o ante a soffietto sono le più utilizzate e pratiche in fase di pulizia.
Per completare questo tipo di cabina doccia si potrà inserire un pannello doccia multifunzione semplice da collegare all’impianto già presente per creare un piccolo spazio di benessere nel tuo bagno.

Il box doccia angolare

Di grande impatto estetico il box doccia angolare ti permette di guadagnare spazio se il tuo bagno non offre spazi generosi.
La mancanza dei quattro angoli infatti risultano più pratici e gradevoli pur mantendo delle dimensioni interne che ti permettono di muoverti agilmente.
I piatti doccia per i box angolari si trovano in diverse misure, la forma più classica è con due lati regolari e uno ad angolo, oppure è possibile trovarne di assimetrici.
Per quanto riguarda l’apertura del box doccia angolare, esistono sia le chiusure ad anta battente sia i pannelli scorrevoli.
Anche i materiali per i box doccia angolari ricalcano quelli utilizzati per i box doccia più classici: pvc e vetro temperato.
Molte varianti tra cui scegliere dunque per ottenere una cabina doccia personalizzata.

cabina_doccia_frontale_IT-GOC-PSA5

vetro temperato da 8 mm trasparente o satinato e i telaio in alluminio lucidato, le ante a battente ed è possibile installarla anche a filo pavimento, le misure del piatto doccia 80x80cm 90x90cm, 100x100cm

cabina_doccia_80x80

vetro temperato 6 mm trasparente, telaio in alluminio lucidato, ante a scorrimento silenzioso, installazione immediata con piatto doccia già dotato di scarico

cabina_doccia_3

vetro temperato 8 mm misura 90×90 cm, include due mensole portaoggetti in vetro

porta_oggetti_cabina doccia3vista_alto_cabina doccia 3

Qualche spunto per trovare il box doccia angolare che più si addice al tuo stile!